Ponte di Legno

Il grande sogno: il monte Adamello

Dai mille metri di Temù ai tremila del ghiacciaio Presena, si estendono chilometri di impianti che traghettano gli sciatori in alta quota. Perchè l’Adamello non è semplicemente una montagna, bensì un vero e proprio mondo in cui mettere alla prova le proprie capacità di sciatore. Vi sono infatti piste adatte a tutti, dai principianti agli sportivi più scafati che vogliono provare sulla propria pelle il brivido di ripide discese.

E una volta scesi a Valle, ad attendervi c’è il bellissimo paesino di Ponte di Legno, che con i suoi 1800 abitanti (che, per inciso, si chiamano “dilagnesi”) rappresenta una vera e propria perla nel paesaggio innevato della Val Camonica. E come tutte le perle, possiede un valore che va al di là di ogni immaginazione.

Vuoi trascorrere una vacanza a Ponte di Legno? Prenota il tuo appartamento!

LEZIONE DI GEOGRAFIA

Il Grande Sogno: così era intitolato il progetto che, nel 2007, ha portato alla costruzione del grande comprensorio sciistico del monte Adamello. Oggi, una nuova funivia collega direttamente Ponte di Legno con il passo del tonale. E all’orizzonte, come un oceano innevato, si stagliano cento chilometri di piste che aspettano soltanto di essere solcate.

La bellezza del Passo del Tonale sta tutta nella sua conformazione naturale. Il valico, che collega la Val di Sole con l’alta Val Camonica, è un anfiteatro naturale aperto al pubblico e ancora oggi definito “la palestra dello sci” per la presenza di piste adatte a ogni tipo di sciatore.

Intorno ai tremila metri si estende inoltre il ghiacciaio del Presena, che fa appunto parte del gruppo della Presanella e comprende al suo interno la funivia Paradiso che sin dagli anni sessanta traghetta i turisti in cima al ghiacciaio. A sentire chi ci è stato, dallo sciatore occasionale all’alpinista più esperto, è unico lo spettacolo che contraddistingue la vetta del monte Adamello.

PARADISO PER SCIATORI TEMERARI

È proprio la “paradiso” è la pista nera che contraddistingue l’offerta del comprensorio sciistico del Passo del Tonale: 3 km di lunghezza, per un dislivello di oltre 700 metri e una delle piste più belle d’Italia.

Appena arrivati in cima, infatti, si inforcano gli sci e inizia subito la discesa, in un tratto poco battuto dal sole e con innevamento sempre costante, che permette di essere affrontato nel periodo che va da Novembre a Maggio. Tornando a noi, la discesa prende avvio tra i roccioni che contraddistinguono la punta dell’Adamello e precipita a valle con la massima velocità.

ABBANDONARSI ALLA DISCESA LIBERA

Ulteriore pregio è il bivio posto a metà del percorso, che conduce direttamente a Ponte di Legno, per una lunghezza che in quel caso arriva a toccare gli undici chilometri e i 1800 metri di dislivello.

Il vero spettacolo, a quel punto, è abbandonarsi alle dolci curve che incorniciano la montagna, per ondulare a destra e sinistra con la leggerezza tipica che caratterizza le sciate ad alta quota. In fondo, ve la dovete in qualche modo guadagnare la sosta in baita per rifocillarvi dallo sforzo, con una porzione di polenta fumante e un caldo bombardino.

SCI IN NOTTURNA? L'ADAMELLO SKI FA PER VOI!

La maggior parte degli impianti sciistici cessa la propria attività intorno alle quattro e mezza di pomeriggio, anche se in particolari giorni della settimana e solo sulle piste servite da illuminazione artificiale, è consentito anche provare il brivido dello sci notturno.

Il comprensorio sciistico dell’Adamello Ski offre attività per tutte le età e tutti i gusti: dalle piste per bambini, dove poter imparare a sciare, alle ardite discese per i provetti sciatori! Di notte, nella località di Ponte di Legno i piccoli di casa potranno godersi una notte indimenticabile grazie alla baby fiaccolata, che viene organizzata ogni giovedì!

Ad ogni modo, una volta ridiscesi a valle, Ponte di Legno offre una miriade di possibilità per sfruttare il tempo a vostro favore. La fortuna della città come località sciistica si deve infatti al secondo dopoguerra, epoca in cui Ponte di Legno è divenuta meta apprezzata da turisti provenienti da ogni parte d’Italia.

LA LEGGENDA DI PONTE DI LEGNO

Ponte di Legno è un piccolo comune situato all’altezza di 1260 metri sul livello del mare, intorno a cui scorrono due torrenti che incontrandosi danno vita al fiume Oglio ovvero il più importante corso d’acqua della Val Camonica. Nascosti all’interno dei suoi viali, inoltre, vi sono preziose testimonianze della grande storia che ancora oggi caratterizza la città.

Ed è proprio a Ponte di Legno, come in nessun altro posto, che la neve dolcemente cade sopra ai tetti di importanti siti storici, per mettere d’accordo tanto chi apprezza l’arte e la storia, quanto gli appassionati della montagna.

Il caratteristico nome di questo piccolo paese, i cui primi insediamenti risalgono addirittura al sesto secolo d. C., pare derivi invece  dalla vicinanza col torrente Frigidolfo su cui sorgeva in tempi antichi proprio un ponte di legno.

Proprio in Val Camonica esiste infatti una vastissima tradizione di folklore che affonda le radici nelle sagre di paese, oggi più vive che mai. Potete sperimentarlo sulla vostra pelle, con le celebrazioni per la festa di carnevale, che ogni anno a Febbraio invadono il centro del paese.

Carri e maschere sono infatti soliti sfilare per le vie del borgo di Pezzo (una frazione di Ponte di Legno), e a rendere il tutto ancora più indimenticabile vi sono esibizioni di musica dal vivo, fiaccolate, vin brulé e tè caldo serviti a tutti gli ospiti.

Anche per la restante parte dell’anno, sono tante le tradizioni ancora oggi in voga come il “Ruf de la écia”, ovvero il rogo della strega che ogni ultimo giovedì del mese di Gennaio serve a propiziare l’anno che verrà. E quale migliore modo di iniziarlo, se non recandosi a Ponte di Legno per una vacanza all’insegna del divertimento.

Vuoi trascorrere una vacanza indimenticabile a Ponte di Legno? Trova l’appartamento su misura per te!
Vedi gli appartamenti
Qualche consiglio
  • Adamello Ski Ponte di Legno - Tonale
Sull'autore
Jacopo Il Cavaliere errante

Da sempre in giro per il mondo, oggi Jacopo Cazzaniga lavora a...

Condividi con i tuoi amici