Scoprendo Monte Isola

Le emozioni del Lago d’Iseo

Definirla solamente l’isola lacustre più grande d’Europa significa banalizzare questo meraviglioso “scoglio” che ipnotizza chiunque volga lo sguardo al lago di Iseo.

La motivazione è ovvia: basta un’occhiata per rendersi conto che è impossibile non rimanerne ammaliati! Suggestione, arte, tradizione, cibo, natura, folklore, cultura: Monte Isola è una vera e propria montagna che sorge nel centro del lago d’Iseo e già questo basta a illustrarne l’eccezionalità.

Si aggiungano le forti tradizioni artigianali ed enogastronomiche minuziosamente tramandate di generazione in generazione, l’architettura e la cultura marinara dei suoi borghi a picco sull’acqua, rimaste intatte nel tempo; l’inedita ricchezza paesaggistica e naturalistica che la caratterizzano.

Montisola è unicità nelle tradizioni, nel movimento, nel dialogo, nei rapporti.

 Trova la tua casa sul lago d’Iseo!

Un perimetro di 11km di costa racchiude i 12 borghi marinari: Siviano (il capoluogo), Carzano, Masse, Cure, Menzino, Novale, Olzano, Peschiera Maraglio, Porto di Siviano, Sensole, Senzano, Sinchignano, che ospitano meno di 2000 abitanti in totale e in cui non sono ammesse auto.

L’unico modo per visitarla è in bicicletta o in bus; chi ha gambe ben allenate e spirito di avventura può invece percorrere la litoranea a piedi godendo del verde silenzioso e delle spettacolari viste panoramiche sulla costa bresciana o bergamasca.

Nel punto più alto dell’isola, a 600 metri di altezza, in località Cure si può raggiungere il Santuario della Ceriola, da cui il panorama lascia a bocca aperta. Da visitare anche il suggestivo borgo medioevale di Novale, Torre Martinengo e Castello Oldofredi.

Tra i Borghi Più Belli d’Italia, Montisola è un’immersione nella tradizione in cui il tempo sembra essersi fermato, una piccola perla tutta da scoprire, rimanendo beatamente a godersi il sole sulle sponde del lago o cimentandosi in uno dei numerosi itinerari da percorrere a piedi o in bicicletta.

E’ un piccolo paradiso all’insegna della genuinità e della bellezza, in cui lasciarsi trasportare dalla semplicità e serenità degli usi e costumi, dai sorrisi, la cordialità e la sincerità della sua gente.

Delle tradizioni di cui si fa ambasciatore, una delle più famose si lega all’antica arte di artigiani e retai, che rappresentano una parte integrante nella storia di questo territorio e dei suoi abitanti.

A Montisola la lavorazione della rete si delinea come un’attività iniziata fin dai tempi remoti. Alcuni documenti storici la fanno risalire all’anno mille, quando i pochi abitanti, pescatori e contadini costruivano reti e pescavano per i feudatari della zona.

Alla fine del ‘700 la fama di Monte Isola come terra di tessitori e di retiai era ormai ben consolidata e il 1800 il secolo dello sviluppo delle grandi industrie e del decollo.

Tuttavia, ancora oggi, è possibile vedere quanto resta di questa nobile tradizione artigianale, soprattutto nella frazione di Peschiera Maraglio.

Ancora in dubbio se concedersi un giretto a Iseo? Trova il tuo appartamento!

La magica Festa dei Fiori di Mone Isola

Se poi si ha la fortuna di capitare a Monte Isola durante la quinquennale Festa dei Fiori, tutto diventa ancora più chiaro. Conosciuta anche come la “Festa dei 200.000 meravigliosi fiori di carta”, la Festa di Santa Croce (questa la sua corretta denominazione) è una celebrazione solenne nota in tutta Italia che si svolge nei piccoli borghi medievali di Carzano e Novale.

La meravigliosa cornice del lago d’Iseo rende ancor più speciale questo evento, durante il quale l’isola viene addobbata a festa riempendone le viuzze con arcate ricoperte da rami di pino e fiori di carta fatti rigorosamente a mano dagli abitanti del luogo.

I due paesi si presentano così in una veste unica ed eccezionale che la sera riesce a divenire, se possibile, ancor più magica poiché ogni arcata risplende di tante piccole luci bianche che rendono l’ambientazione da favola. Non manca mai la tradizionale pesca di beneficenza, organizzata per raccogliere fondi necessari per l’organizzazione dell’evento, finanziato anche grazie all’autotassazione degli stessi abitanti di Montisola.

Tutto il lavoro è pertanto rigorosamente manuale ed autofinanziato dagli abitanti, mentre le tecniche di creazione dei fiori, che ad ogni edizione vengono affinate, sono tramandate di famiglia in famiglia e di generazione in generazione.

Il fulcro delle manifestazioni è tradizionalmente il 14 settembre, giorno in cui la Liturgia celebra la festa dell’Esaltazione della Santa Croce, durante la quale si svolge la processione con la S. Reliquia della Croce di Cristo, normalmente conservata in un reliquiario d’argento a forma di croce del XVIII secolo.

Piccoli piaceri gastronomici: il pesce di Montisola

A Peschiera e a Carzano continua da secoli una tradizione culinaria molto interessante caratterizzata dall’ antica tecnica di essiccazione e conservazione del pesce.  Infatti, il metodo di conservazione è stato promosso dai pescatori dell’isola. Questa tecnica pare risalire ad almeno mille anni fa, quando i pescatori consegnavano il pescato al Monastero di Santa Giulia di Brescia.

I piccoli paesetti di Cure, Masse, Olzano e Senzano lasciano invece la tradizione legata alla pesca e alla lavorazione del pesce in favore della produzione di salumi. Ogni famiglia, da sempre, tra gennaio e febbraio uccide il maiale allevato o comprato per preparare in casa il salame. Anche gli emigrati e i nativi ormai residenti altrove non rinunciano a questo appuntamento invernale.

Non ti viene voglia di assaggiare questo buon pesce? Prenota la tua prossima vacanza!

Cosa vedere passeggiando per Montisola

 Borgo di Novale  

Un gruppo di abitazioni posizionato sopra Carzano con forma a balconata, collegato al paese tramite un sentiero che si prolunga sino ad Olzano. Questo antico complesso di edifici non ha nulla a che vedere con l’architettura dei paesi a lago. Presenta infatti le caratteristiche dei borghi di montagna, con muri spessi di grosse pietre, volti e androni, viuzze lastricate in pietra, balconi di legno.

Castello Oldofredi

Il Palazzo è stato costruito in pieno stile Rinascimentale con portico ad archi su colonne in pietra di Sarnico.

Vi si giunge direttamente a piedi percorrendo il vicolo che dalla piazzetta, dove si trova la farmacia, risale parte del paese fino a giungere alla Chiesa di San Michele, che si trova proprio a ridosso del Castello Oldofredi. L’ accesso è vietato dato che il castello è di un proprietario privato.

 I Cantieri Nautici a Montisola

Monteisola ha una lunga tradizione artigiana nella costruzione di imbarcazioni. Dai legni esistenti del territorio (castagno, larice, acacia, pino…) si ricavavano barche per la navigazione, lavoro o diporto.La lavorazione delle reti e la costruzione di imbarcazioni sono state le principali occupazioni degli abitanti di Montisola.

I documenti dell’ Estimo del 1700 documentano il lavoro di costruttori nautici appartenenti alla famiglia Archetti, la stessa degli artigiani che conservano tuttora la tradizione dei maestri d’ascia a Peschiera Maraglio.

 Santuario della Madonna della Ceriola

Le origini remote del Santuario della Madonna della Ceriola risalgono circa alla metà del V secolo, quando San Vigilio, Vescovo di Brescia, portò la fede nella zona del Sebino sopprimendo il culto della dea pagana Iside (da cui deriva il nome Iseo). Appoggiato su uno spuntone di roccia grigia dell’ era mesozoica, il Santuario della Madonna della Ceriola rappresenta il punto più suggestivo dell’ isola.

Itinerario da Peschiera a Novale 

Il percorso è pressoché pianeggiante, con pochi e non faticosi dislivelli. Percorribile totalmente a piedi o in bicicletta.

Da vedere lungo il percorso: le chiese dell’isola, i numerosi castelli e le ville lasciati dai signori del passato, i borghi antichi di pescatori, con le tradizioni della pesca ancora osservabili tra le vie.

Chiesa dei Santi Faustino e Giovita di Siviano

La parrocchiale è stata edificata tra 1740 e 1754, su un colle che domina la collina di Siviano. All’interno della chiesa, numerosi e piacevoli affreschi adornano le pareti.

Una curiosità, nella Chiesa di SS Faustino e Giovita sono custodite le reliquie di personaggi di rilievo della zona: Faustino e Giovita, S. Teresa, S. Giuseppe, Vergine Santa, S. Francesco d’Assisi e molti altri.

Trascorri una vacanza indimenticabile sul Lago d’Iseo, scegli il tuo appartamento!

Appartamenti sul Lago d'Iseo
Sull'autore
Nicole Social Media marketer e globetrotter per passione

Cresciuta in un contesto internazionale e da sempre assalita d...

Condividi con i tuoi amici